(Family Matters)
Sucre
Gianfranco Mazza
Dal 16 al 19 maggio 2017

IMG_9485

IMG_9488

IMG_9492

IMG_9497

g

Sucre si compone di un’architettura semplice, geometrica, che rimanda a forme prime dove un gioco infinito di dentro-fuori rende l’opera tutt’altro che conclusa. Una precarietà formale che ci persuade a fare un passo dentro l’opera. La quarta parete viene abbattuta. L’illusione non esiste. Viene vissuta come un qualcosa di reale, le opere si muovono, danzano, assecondano lo spettatore. Nella serie di lavori presentati sembra ovvia l’intenzione di creare dei vuoti, sottraendo frammenti alla materia e creando un illusione spaziale, geometrie inventate, minimali, aperte verso lo spazio dell’ambiente o costruite all’intero dello spazio dell’opera.
Gli oggetti non accettano piu il loro miserabile ruolo di statici utensili. Sucre e’ impazienza, ansia, irrefrenabile voglia di emancipazione.

(Sucre, aprile 2017)